La dieta della fertilità

0

Seguire una corretta dieta alimentare per voi che desiderate avere un figlio è importante per favorire la fertilità e il concepimento. Uno studio della “Harvard School of Public Health ha dimostrato che chi seguiva una dieta sana, aveva una riduzione del rischio d’infertilità pari al 66%. Il buffet della gravidanza invita a mangiare sano ed equilibrato e prevede la presenza di:

  • Acidi grassi monosaturi (olio extravergine d’oliva);
  • Omega 3, presenti nel pesce come salmone, sgombri, sardine, pesce spada, nelle uova, e nelle noci;
  • Vitamine del gruppo B, che si trovano nei broccoli, nelle arance, negli spinaci, nel lievito, nel pane integrale, nei fagioli, nel fegato, nel pesce, nel latte, in grado di favorire l’ impianto dell’embrione e ridurre i rischi di aborto;
  • Vitamina C, l’apporto giornaliero di questa vitamina, circa 1000 mg al giorno, per due mesi, aumenta i livelli di sperma di quasi il 60% negli uomini, e nelle donne aiuta le ovaie ad essere più reattive. Per questo consumate uva, ribes, peperoni, broccoli, kiwi, arance, limoni, mandarini, fragole, lattuga, cavolfiore, spinaci, e pomodori;
  • Vitamina E, è stato dimostrato che si comporta da antiossidante nei confronti delle membrane cellulari dello sperma; reperibile nella frutta secca, nell’olio di girasole, nella margarina, nel burro, nel tuorlo d’uovo, negli spinaci, nei broccoli, negli asparagi e nel pane integrale;
  • Pyrrolochinolino chinone’ (PQQ), una vitamina scoperta nel 1979, ancora in fase di studi, che pare abbia effetti benefici sulla fertilità, ed è contenuta nel tè verde, nel kiwi e nella Papaya;
  • Proteine di tipo animale e vegetale, che si trovano principalmente nella carne e nei legumi;
  • Zinco, in grado di favorire la qualità degli ovociti e la fertilità maschile, di cui sono ricchi il latte, i formaggi freschi, il lievito di birra, la carne rossa tritata, il pollame, il fegato di maiale, i frutti di mare e le uova;
  • Ferro, in grado di favorire l’ovulazione, reperibile in alimenti come uova, verdura a foglia verde, frutta secca, carne bianca e rossa, germe di grano, patate bollite.
  • Acido Folico, l’assunzione di questo elemento è utile per la donna, poiché previene eventuali anomalie del feto, mentre negli uomini una carenza di acido folico sembra provocare una minore vitalità degli spermatozoi;

dieta mediterraneafertilitàLa dieta sana pro-fertilità prevede inoltre un controllo e una limitazione per quanto riguarda le seguenti categorie di prodotti:

  • Limitare il consumo di caffè, alcolici e ovviamente sigarette.
  • Gli uomini non devono consumare troppa liquirizia, poiché abbassa i livelli di testosterone.
  • Limitare bevande come tè, cioccolato e coca-cola.

Per quanto riguarda i carboidrati, sono da preferire quelli in grado di tenere a bada l’indice glicemico, come pasta, pane integrale e riso, mentre sono sconsigliati tutti i carboidrati raffinati. Indicato inoltre il consumo giornaliero di frutta e verdura, in gran quantità.

Questo tipo di dieta, non è certo in grado di fare miracoli, poiché non esistono alimenti che aumentano la fertilità di per se, quanto piuttosto alimenti antiossidanti in grado di prevenire l’invecchiamento di ovociti e spermatozoi, e sostanze utili a mantenere l’organismo in condizioni di efficienza.

 

Share.